Vai menu di sezione

Museo Storico della Bicicletta “Toni Bevilacqua”

Il Museo della Bicicletta fa parte del Club Italia Musei Ciclismo e con i 170 pezzi della Collezione Sanvido, è uno dei più completi d’Italia.

Il Museo è nato dalla passione per il ciclismo di  Sergio Sanvido  (1928-2015), il quale ha dedicato l'intera vita alla bicicletta: è stato riparatore, restauratore e commerciante di biciclette, e per tre anni, dal 1946 al 1949, ha anche partecipato ad alcune competizioni sportive.

Negli anni '70 del secolo scorso iniziò a raccogliere biciclette provenienti da tutto il mondo con l’intento di dare vita ad un museo.

E’ nata così, il 29 giugno 1997, in casa Sanvido, la prima versione del Museo Storico della Bicicletta, dedicato alla memoria del veneziano Toni Bevilacqua, campione del mondo dell’inseguimento nel 1950 e 1951.

Sanvido ha voluto donare la sua collezione al Comune di Cesiomaggiore, che nel 2007 ha provveduto alla nuova collocazione di questa preziosa raccolta di biciclette, accessori e memorie del ciclismo nazionale e internazionale.

Il Museo ripercorre tutta la storia di questa mirabile invenzione, a partire dal pezzo più antico: un celerifero francese del 1791, accompagnato poi dai successivi bicicli italiani, inglesi, francesi e americani dell’Ottocento. A testimonianza dell'importanza sociale del mezzo ci sono poi le biciclette usate per lavoro: quella del vigile del fuoco inglese, del postino svizzero, del tostatore di caffé, del fotografo ambulante. Fra le tante biciclette appartenute a campioni sportivi, sono da citare quelle leggendarie di Coppi e Bartali, esposte accanto a quelle di Moser, Saronni e Pantani.

Catturano l’attenzione anche gli interessantissimi dettagli di alcune biciclette d’epoca: fanali con candele, selle arieggiate, scopini sui parafanghi e molto altro. Nel Museo non ci sono solo biciclette, ma anche numerosi cimeli, accessori, foto, magliette, vecchie copertine - quelle disegnate da Beltrami per la “Domenica del Corriere” - dedicate al ciclismo.

Orari di apertura

Mercoledì    15.00 - 18.00

Sabato       09.30 - 12.30 e 15.00 - 18.00

Domenica   09.30 - 12.30 e 15.00 - 18.00

Tipologia di luogo
Museo
Collocazione geografica

Come arrivare

Indirizzo
Via Grei, Contrada Anquetil, 6 32030 Cesiomaggiore
Telefono
0439 438 431
Pagina pubblicata Mercoledì, 11 Ottobre 2017 - Ultima modifica: Lunedì, 15 Gennaio 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto